Lasciare il segno

Percorsi di integrazione attraverso il fumetto

Presentazione risultati, mostra e dibattito

Mercoledì 13 dicembre, Sala delle Colonne, Fabbrica del Vapore, Via Procaccini 4, Milano, ore 17

Ingresso libero

17:00 Saluti istituzionali, Anna Scavuzzo, Vicesindaco, Assessore all’Educazione e Istruzione del Comune di Milano
17:15 Introduzione progetto a cura di BJCEM e Africa e Mediterraneo

17:30 Presentazione risultati laboratorio scolastico
18:00 Presentazione risultati laboratorio extrascolastico 

18:30 “Il fumetto come strumento per raccontare la migrazione e il contemporaneo”
Con Marta Meloni, project manager Africa e Mediterraneo; Federico Amico, coordinatore nazionale commissione Buone Pratiche e Diritti Culturali – Arci e la partecipazione dei fumettisti Federico Manzone e Gianluca Costantini

19:30 Inaugurazione della mostra e piccolo rinfresco
21:00 chiusura

Lasciare il segno è un progetto realizzato, con il contributo del Comune di Milano, da BJCEM-Biennale des jeunes créateurs de l’Europe et de la Méditerranée e da Africa e Mediterraneo.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • Incoraggiare il dialogo interculturale e promuovere una cultura antirazzista tra le giovani generazioni;
  • accrescere la coscienza e la conoscenza critica dei giovani sul fenomeno delle migrazioni e sul diritto d’asilo, in relazione al particolare fenomeno migratorio che sta vivendo l’Italia in questi ultimi anni;
  • promuovere l’emersione di giovani artisti interessati ad affrontare i temi del contrasto al razzismo e alle discriminazioni attraverso la disciplina artistica del fumetto, offendo loro opportunità di sviluppo per la propria carriera.

Le attività

La prima fase prevede un percorso laboratoriale di fumetto, attivato nel Liceo Artistico Caravaggio di Milano, per riflettere, comprendere e interrogarsi sulla realtà dell’immigrazione oggi in Italia e in Europa. Il laboratorio è guidato dal fumettista Federico Manzone e dell’operatrice interculturale Flore Thoreau e il lavoro si conclude con la realizzazione di tavole originali.

La seconda fase prevede un laboratorio extrascolastico, rivolto a giovani artisti del territorio Milanese under-35, selezionati attraverso un bando. La metodologia applicata è la stessa, gli obiettivi sono la sensibilizzazione sui temi indicati, e la formazione di giovani illustratori che possano utilizzare il proprio talento per lanciare un messaggio a contrasto di razzismo e xenofobia, con particolare attenzione per l’area Mediterranea. Il laboratorio è guidato dal fumettista Federico Manzone e il lavoro si conclude con la realizzazione di tavole originali.

La terza fase è l’organizzazione di una presentazione pubblica dei risultati del progetto, presso la Fabbrica Del Vapore di Milano, con, a margine, l’organizzazione di una mostra con le opere realizzate nel corso dei laboratori e un dibattito sui temi del progetto. La presentazione si terrà mercoledì 13 dicembre presso la Sala delle Colonne della Fabbrica del Vapore, dalle ore 17.

Il progetto e le opere più apprezzate saranno successivamente presentate nel corso di un evento internazionale, che si svolgerà nel 2019 a Nottingham, promosso dal socio BJCEM UK Young Artists (UKYA), ente molto attivo per la promozione dell’arte contemporanea nel Regno Unito, che festeggerà i dieci anni dalla propria fondazione, organizzando una rassegna dedicata alla promozione della creatività giovanile.

I promotori

Lasciare il segno è un progetto realizzato, con il sostegno del Comune di Milano, da:

  • BJCEM-Biennale des jeunes créateurs de l’Europe et de la Méditerranée, un’associazione internazionale che da oltre vent’anni promuove e valorizza il dialogo interculturale, la ricerca artistica contemporanea nei diversi linguaggi espressivi, offre sostegno alla creatività giovanile, alla mobilità, all’incontro, allo scambio, alla collaborazione e alla conoscenza reciproca tra i giovani artisti delle diverse Rive del Mediterraneo. BJCEM organizza, dal 1985, la Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo, evento che ogni due anni ospita in una città diversa centinaia di giovani talenti nelle varie discipline: arti visive e applicate, cinema, musica, gastronomia, teatro, danza e letteratura, un grande momento di incontro e promozione per artisti emergenti.
  • Africa e Mediterraneo, è un’associazione di promozione sociale di Bologna, nata nei primi anni 2000 con l’obiettivo di promuovere la cooperazione culturale tra Europa e Africa e favorire il dialogo interculturale. L’Associazione lavora a livello locale, nazionale ed europeo coinvolgendo artisti e professionisti, soprattutto del mondo del fumetto di autore africano e migrante. L’Associazione sviluppa progetti laboratoriali di didattica interculturale e media education, coinvolgendo giovani studenti delle scuole medie inferiori e superiori di tutta Italia.

Ecco la lista dei partecipanti selezionati per il laboratorio con Federico Manzone:

Lamine Diop

Claudia Elisabetta Ferrari

SirSkape

Giulia Ratti

Marta Mariano

Alberto Wolfango Amedeo D’Asaro

Marta Lucia Sosio

Eugenia Erba

BJCEM is supported by:

Logo comune di Torino