LANDXCAPES

arte, narrazione, paesaggio

Programma residenze in Puglia, 8 -19 OTTOBRE, 2018

BANDO SELEZIONE ARTISTI
SCADENZA 15 LUGLIO 2018 alle 20 (ora italiana)

La call è aperta nei seguenti paesi:
BJCEM member
Country
Type of selection
Ministry of Culture of Albania Albania national selection
Inernational Peace Centre BiH national selection
Ministry of Education and Culture, Cultural Service Cyprus national selection
Atelier d’Alexandrie Egypt national selection
Association Culturelle Illimité France national selection
Hellenic Ministry of Education, Research & Religious Affairs / General Secretariat for Youth Policies & Lifelong Learning Greece national selection
Città di Torino Italy regional selection
Comune di Trieste Italy regional selection
Comune di Genova Italy regional selection
Comune di Milano Italy local selection
Comune di Padova Italy local selection
Comune di Ferrara Italy regional selection
Comune di Forlì Italy local selection
Comune di Parma Italy local selection
Comune di Reggio Emilia Italy local selection
Roma Capitale Italy local selection
Comune di Campobasso Italy regional selection
ARCI Torino Italy regional selection
ARCI Regionale Lazio Italy regional selection
ARCI Regionale Puglia Italy regional selection
ARCI Nazionale Italy national selection
Regione Puglia Italy regional selection
Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani – GAI Italy national selection
The Cultural Cooperative Association for Youth In Theatre and Cinema – SHAMS Lebanon national selection
Ministry of Culture, Sports and Media, International Relations and EU Integrations Sector Montenegro national selection
LIMIDITI Temporary Art Projects Morocco national selection
Fluks – Center for young arts Norway national selection
Sabreen Association for Artistic Development Palestine national selection
Clube Portugues de Artes e Ideias – CPAI Portugal national selection
Segreteria di Stato per l’Istruzione e la Cultura; Istituti Culturali – Arti Performative San Marino national selection
Università di San Marino San Marino national selection
Contemporary Art Center – Strategie art Serbia national selection
Škuc Association Slovenia national selection
Ayuntamiento de Madrid Spain local selection
Ayuntamiento de Salamanca Spain local selection
Réseau Alternatif des Jeunes RAJ Tunisie national selection
UK Young Artists UK national selection

PREMESSA

L’Associazione Internazionale BJCEM – Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée e la Regione Puglia promuovono il progetto speciale LandXcapes, dedicato ai mutamenti subiti dal territorio pugliese a causa dell’epidemia del batterio Xylella fastidiosa, che ha colpito intere piantagioni di ulivi nella Regione.

LandXcapes è un progetto culturale multisciplinare di valorizzazione integrata del patrimonio identitario e paesaggistico del Salento, attraverso i linguaggi dell’arte, il racconto e il paesaggio. Le Province di Brindisi, Lecce e Taranto colpite dal flagello della Xylella, si trovano a dover fare i conti con la propria identità e l’arte diventa strumento di riflessione e condivisione di un momento fragile, legato in maniera sostanziale (e antropologica) alla vita futura del territorio salentino. L’arte, quindi, come luogo di incontro fra due mondi: produttivo e culturale. In mezzo il territorio, il paesaggio, eredità da consegnare alle generazioni future.

LandXcapes vuole restituire al pubblico, attraverso l’arte e la poetica narrativa dei luoghi, il senso della trasformazione (volontaria ed involontaria) del paesaggio, in un approccio multidisciplinare e intersettoriale.

Nell’ambito del progetto generale si svolge un programma di residenze artistiche finalizzato alla produzione di opere d’arte, nelle sue varie forme (Performance, Narrazione, Design, Video/Fotografia, Public Art/Land Art, Pittura/Scultura) nel contesto rurale e naturalistico, alle quali è affidata la ricerca e la sperimentazione di nuove forme espressive, oltre che lo scambio culturale con realtà nazionali e internazionali, volte a rafforzare i legami culturali e l’internazionalizzazione dell’offerta culturale pugliese. Si tratta di laboratori creativi e produttivi che si svolgeranno, in forma residenziale, in sei diversi parchi del Salento (Parco Dune Costiere – Ostuni; Parco Torre Guaceto – Brindisi; Parco Otranto/Leuca – Otranto; Parco Litorale di Ugento – Ugento; Parco Porto Selvaggio – Gallipoli; Litorale Tarantino – Manduria) e saranno condotti da tutor professionisti. Al termine delle residenze avranno luogo momenti di restituzione pubblica nei luoghi della ricerca. Verrà poi organizzato un evento pubblico di presentazione del percorso, del lavoro fatto e dei risultati raggiunti presso il Museo Sigismondo Castromediano di Lecce.

LINEE GUIDA

Gli artisti selezionati per il programma di residenze saranno guidati da tutor esperti nelle discipline indicate e potranno visitare i luoghi colpiti dalla Xylella, parlare con agricoltori, produttori olivicoli, abitanti delle zone colpite, studiosi e ricercatori. I lavori degli artisti si svolgeranno sul posto, ovvero nei territori scelti per ognuna delle discipline artistiche indicate dal bando. In residenza gli artisti si confronteranno con i luoghi e ai luoghi restituiranno l’azione artistica prodotta in site specific. La selezione degli artisti spazierà tra varie discipline artistiche: performers, scrittori, narratori, videomakers, artisti visivi, ricercatori culturali e designers affronteranno il tema partendo dai diversi sguardi grazie alla differente provenienza degli artisti selezionati, un modo per sensibilizzare, spiegare e diffondere una riflessione in ambito Euro Mediterraneo sulla tutela e valorizzazione del paesaggio.

La presente Call è aperta alle seguenti discipline:

Performance | Tutor Salvatore Tramacere

Il Teatro Koreja, Centro di produzione e sperimentazione teatrale, è attivo da oltre 30 anni, ha prodotto più di 40 spettacoli, circuitato in 45 Paesi del Mondo, vinto numerosi premi nazionali e internazionali. Stratificazione culturale, una nuova identità e marginalità sono i princìpi che definiscono Koreja. Salvatore Tramacere si è formato accanto a importanti personalità del teatro internazionale come Eugenio Barba, Iben Rasmussen, Pina Baush. La pedagogia teatrale di Koreja si basa su quegli ambiti di intervento dove le teorie e le pratiche vengono immediatamente mescolate. Il percorso formativo proposto è un lavoro condiviso di crescita e approfondimento dei diversi linguaggi artistici, per dare strumenti d’interpretazione della realtà mediante il teatro. Lavorare sulla performance teatrale vuol dire eleborare un dialogo da restituire in forma artistica con i luoghi colpiti dalla Xylella, aplificandone e rielaborandone il messaggio. Le fasi di lavoro prevedono un processo di ricerca prima personale e poi di gruppo, sfruttando in maniera propositiva le diverse nazionalità e specificità artistiche dei partecipanti che saranno a loro volta autori della performance.

Design | Tutor Crispino Lanza

Da millenni la Puglia è un territorio abitato da piante di ulivo, così come i paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Per questo e per le sue peculiari caratteristiche estetiche dovute alle sue imprevedibili venature, tale pianta ha fornito e fornisce da sempre la materia prima per la realizzazione di oggettistica per la casa, arredi e complementi. Data la morfologia del tronco e la sua disomogeneità strutturale, è noto come l’ulivo non sia una essenza lignea di facile lavorazione e, soprattutto, non adatta ad applicazioni dove le proprietà meccaniche siano particolarmente importanti. Si richiede quindi uno sforzo creativo consistente nell’immaginare il legno di ulivo non sempre e non solo come unico protagonista materico dell’oggetto progettato, bensì come attore interagente con altri materiali (tecnologici o naturali), senza dimenticare interazioni con altre componenti potenzialmente sinergiche come la luce, l’odore, il colore, il suono, il cibo, le altre piante. I temi cardine che saranno affidati ai protagonisti del workshop saranno i 4 elementi (acqua, aria, terra e fuoco), tutti elementi essenziali per la vita e protagonisti delle storie che, dalla loro nascita al loro espianto, questi ulivi potrebbero raccontare. Le collezioni di oggetti saranno divise in 3 macro-aree / finalità d’uso:

  • Merchandising museale
  • Arredi e complementi per strutture ricettive
  • Oggettistica per la cucina

Visual art (pittura/scultura) | Tutor Sarah Ciracì

La Puglia imprime nelle memoria di chi la visita essenzialmente il suo caratteristico paesaggio. Ricco e variegato, preistorico ed atavico, è segnato altrettanto significativamente dalle attività dell’uomo. Distese di vigneti ricoperte da teloni di plastica, industrie pesanti come Ilva (nel Tarantino) o Eni (nel Brindisino) tracciano una narrazione di un difficile equilibrio tra le esigenze della natura e quella dell’uomo. Un legame di dipendenza, quello tra uomo e natura, diventato emergenza con la diffusione della Xylella, in cui l’uomo è chiamato a proteggere quanto di più sacro e antico è presente sul territorio: i secolari alberi di ulivo. In questo contesto l’arte può essere un valido strumento per rafforzare il legame di dipendenza uomo natura, a rinnovarlo, a riportare alla consapevolezza come la natura sia fonte di nutrimento di aspetti spirituali ed emotivi dell’uomo. La tradizione fiabesca dell’albero parlante è ricca e significativa di come l’uomo abbia sempre attribuito all’albero un’anima e di come esso sia sempre stato vissuto come fonte di profonda saggezza e dotato di proprietà magiche. Da Pochaontas, al Mago di Oz, al film Avatar l’albero è l’anello di congiunzione tra l’uomo e la natura. Il progetto intende erigere simbolicamente un albero secolare di ulivo a monumento sacro. Si creeranno attorno ad esso le condizioni per poterlo contemplare, attraverso sculture resistenti alle intemperie con la funzione di accogliere il “pellegrino”. Si potrà sedersi attorno ad esso, contemplarlo, osservarne ogni piega e da essa farsi raccontare una storia. Ogni artista, ispirato dall’albero e dai racconti dalla comunità di persone legato al territorio creerà il suo contributo per allestire il monumento sacro, utilizzando ogni media legato alle arti visive (sculture, pittura, fotografia, video…). Ove vi fossero contributi video o fotografici, saranno indicati all’interno del monumento i link o QR Code visualizzabili attraverso smartphone.

Video/fotografia | Tutor Michela Cerini

Identità e narrazione dei luoghi, di quei luoghi di una Puglia che si trasforma, si adatta, lotta, soccombe e si rialza, si piace e si ammira anche nel cambiamento. Un’identità che si estrapola dal suo contesto geografico e si insinua nelle radici più profonde di una cultura che appartiene ad un popolo complesso e fiero, un popolo che della sua terra ha fatto la sua storia. Una missione, un esperimento, una sfida per restituire a tutti quello che questa terra ci vuole raccontare. Una terra che vuole essere ascoltata e raccontata. Esplorare e raccontare attraverso le immagini la suggestione di un luogo, della sua storia, passata e futura, del bisogno intrinseco di essere vissuto e rivelato in ciò che era, ciò che è e ciò che potrebbe essere, attraverso visioni e suoni che lo caratterizzano, attraverso le parole di chi per anni l’ha vissuto, amato. Attraverso le mani di chi lo fa suo quotidianamente. Gli occhi e il cuore di questa terra hanno più interlocutori: uomini, piante, animali, lo scirocco e la tramontana, il caldo torrido e la terra rossa, il verde accecante e lo strazio del cambiamento. L’intento è quello di mettere a servizio di questa urgenza l’Arte, nello specifico video e fotografia, che con il loro linguaggio e nella loro completezza possono documentare, trasformare e restituire un’esigenza di racconto, di memoria e di messa in gioco.

Public art/land art | Tutor Mauro Lazzari, Laura Basco

Il paesaggio attuale del Salento colpito dal disseccamento rapido della sua pianta simbolo, l’olivo, racconta — parafrasando Eugenio Turri — molto di più di quanto forse vorremmo conoscere del nostro tempo. Si tratta di una pandemia che non riguarda più solo la popolazione contadina di una porzione di territorio regionale, ma di un fenomeno più ampio e complesso, che ha rivelato l’estrema fragilità del patrimonio agricolo, che si è radicalizzato verso la monocoltura dell’olivo solo a partire dagli anni 60. È proprio partendo da questa fragilità, attraverso questo programma di residenza, possiamo domandarci quali processi culturali e input l’arte pubblica può mettere in atto per sperimentare strategie di convivenza con i cambiamenti in atto nel paesaggio. Gli artisti saranno chiamati a confrontarsi con le relazioni tra i bisogni e le attese di un territorio rurale che attraversa una forte crisi ambientale, a proporre una propria riflessione, aperta ad immaginare piccole o grandi utopie ed innescare un potenziale pedagogico per mutare paradigma e creare nuovi paesaggi, maggiormente resilienti, biodiversi e sostenibili.

Narrazione | Tutor Luigi D’Elia

“La saggezza antica insegnava che il Mediterraneo arriva fin dove cresce l’ulivo” (Predag Matvejevic). Abbiamo la parola, il racconto, i nostri corpi per metterci in ascolto di una terra che sta cambiando pelle e lo sta facendo in uno stordimento delle parole, della legge, delle informazioni, del vento e delle cicale. Cosa accade alla forma del Mediterraneo se cambia la linea dell’ulivo? Cosa accade alla Puglia se non crescono più gli ulivi? Cosa accade ai suoi orizzonti, cosa accade negli occhi di chi la abita e di chi la attraversa? Che voce ha tutto questo? Quali parole? Qual’è il suo suono? Qual’è il “racconto” di tutto questo? E ancora: cosa, di tutto questo, reclama con forza sanguigna di terra di essere raccontato? Mi chiedo sempre cosa resterà. In questa residenza invece mi chiedo cosa “vive”! La residenza è destinata a voci femminili o maschili della narrazione (narratori, attori, autori) per dar voce al sistema circolatorio che viaggia senza soluzione di continuità tra gli esseri viventi della Puglia e i loro ulivi.

REGOLAMENTO

Requisiti

  • Possono partecipare alla presente call artisti tra 18 e i 35 anni.
  • Non sono ammesse candidature di gruppi, ma solo candidature individuali.
  • Il bando è aperto alle seguenti discipline: Performance | Narrazione | Design | Video/fotografia | Public art/land art | Visual art (pittura/scultura)
  • La presente call è aperta anche agli artisti che abbiano già partecipato ad altri progetti BJCEM, purché rispettino i requisiti richiesti.
  • La partecipazione è gratuita. Non saranno riconosciute fee per la partecipazione.


Procedure di Selezione

Per partecipare al presente bando è necessario inviare i seguenti documenti, in italiano o in inglese:

  1. Application form, compilato in tutte le sue parti, in lingua inglese SCARICA L’APPLICATION QUI
  2. CV
  3. Portfolio
  4. Lettera Motivazionale

Tutti i documenti devono essere inviati all’email application@bjcem.org entro e non oltre il 15 luglio 2018, alle 20:00 ora italiana. Le selezioni verranno effettuate dai tutor del progetto valutando CV, portfolio e lettera motivazionale, per stabilire l’aderenza a una delle discipline proposte. Saranno selezionati fino a un massimo di 10 artisti per disciplina. I nomi degli artisti selezionati verranno pubblicati sul sito http://www.bjcem.org/landxcapes_ita/


Accettazione del regolamento

La presentazione della candidatura da parte di un artista implica automaticamente la completa accettazione del presente regolamento e l’approvazione alla riproduzione e presentazione dei lavori prodotti dagli artisti durante le residenze per scopi di comunicazione e promozione. Considerato gli scopi del presente bando, le produzioni artistiche realizzate nel corso delle residenze entreranno a far parte del patrimonio artistico della Regione Puglia.

Per quanto riguarda il design è previsto che le idee progettuali elaborate durante il periodo di residenza possano essere prototipate a seguito di un abbinamento dei singoli progetti ad altrettante imprese pugliesi operanti nel settore dell’ebanisteria e/o del legno-arredo, che spontaneamente presenteranno una manifestazione di interesse ad essere partner tecnici/sponsor del progetto “Landxcape”. È facoltà del designer proteggere preventivamente la propria idea progettuale secondo la normativa vigente in materia di tutela della proprietà intellettuale. Le imprese eventualmente coinvolte e i singoli designer possono siglare in via del tutto autonoma accordi per l’eventuale ingegnerizzazione e commercializzazione del prototipo sviluppato, secondo la normativa vigente e senza alcun coinvolgimento e responsabilità da parte della Regione Puglia, di BJCEM o degli altri partner di progetto.


Obblighi dell’organizzazione

Il network BJCEM e gli organizzatori locali si faranno carico delle spese di partecipazione degli artisti selezionati (viaggi, vitto e alloggio). Gli artisti e i tutor saranno ospitati dal 7 Ottobre al 19 ottobre 2018 attraverso un sistema di accoglienza diffusa, coinvolgendo aziende agricole e masserie presenti nei parchi coinvolti. La presente call è regolata dalla legge del paese in cui si svolgerà l’evento.

Per info: info@bjcem.org

Il progetto “LandXcape, arte, narrazione, paesaggio” è sostenuto dalla Regione Puglia, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e con BJCEM, a valere sulle risorse FSC (Fondo per lo Sviluppo e la Coesione), Puglia 2014 – 2020, Patto per la Puglia, Area di Intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”

BJCEM is supported by:

Logo comune di Torino