Words4link

Scritture migranti per l’integrazione

Il progetto

Il progetto “Words4link – scritture migranti per l’integrazione” vede come capofila la cooperativa sociale Lai-momo e come partner il Centro Studi e Ricerche IDOS e l’Associazione Culturale Mediterraneo (ACM). Aderiscono al progetto la Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée (BJCEM) e le associazioni Eks&Tra, Razzismo Brutta Storia, Le Réseau.

Pensato per valorizzare e diffondere in Italia la conoscenza e la lettura di quella complessa produzione letteraria che per convenzione è chiamata scrittura migrante, Words4link intende promuovere il confronto e lo scambio di buone pratiche in tale ambito.

Per agevolare questo processo, il progetto prevede la creazione di una rete di soggetti ed enti attivi nel settore; una mappatura degli attori chiave (autori, associazioni, libreria, media e editori); l’organizzazione di incontri tra autori, editori, giornalisti e pubblico, lo scambio di buone pratiche, e una campagna di comunicazione nazionale ed europea sulle scritture migranti.

I promotori del progetto Words4link pensano che la scrittura migrante possa contribuire a innescare un cambiamento nella rappresentazione dei migranti nell’immaginario collettivo, affinché si creino a livello sociale e dell’opinione pubblica condizioni sempre più favorevoli alla convivenza con cittadini dei Paesi terzi, superando le percezioni negative e i pregiudizi che si stanno diffondendo in Europa.

La mappatura

Sono on-line i primi risultati della mappatura degli autori/autrici di origine immigrata e degli enti e iniziative che lavorano sulle “scritture migranti”, curata dal Centro Studi e Ricerche IDOS

Si è conclusala prima fase del progetto dedicato alla valorizzazione delle cd. “scritture migranti” in Italia: la “mappatura” dei principali protagonisti dell’universo di riferimento. Grazie a un’accurata ricognizione delle fonti disponibili e a una campagna di scouting condotta on-line e finalizzata al coinvolgimento diretto dei soggetti interessati, sono state raccolte oltre 220 schede di autori e di autrici con backgrond migratorio, che operano sia nel campo letterario (207) che in quello giornalistico (19) utilizzando la lingua italiana (e con almeno una pubblicazione all’attivo negli ultimi 10 anni). A completare il quadro, sono state raccolte 34 schede dedicate agli enti impegnati, a vario titolo, nella promozione delle loro opere e della “scrittura interculturale/transnazionale” in Italia (associazioni, librerie, case editrici, gruppi di ricerca che hanno promosso concorsi, festival, laboratori, riviste specializzate…): un panorama a sua volta diversificato di cui si vuole favorire la conoscenza.

Ne risulta un quadro sempre più articolato e in continua evoluzione. La narrativa (spesso associata ad altri generi: poesia, saggistica, drammaturgia…) appare la forma di scrittura più praticata (174) e le questioni inerenti la “cultura italiana/del Paese di origine” rappresentano i principali temi di interesse, cui si può ricondurre l’opera degli autori/rici rintracciati/e in circa 8 casi su 10. Rilevante anche l’attenzione ai temi della migrazione e dell’asilo (centrali in quasi un terzo dei casi) e delle discriminazioni e del dialogo interculturale (oltre un quinto).

Nella larga maggioranza dei casi si tratta di scrittori/rici nati all’estero (oltre 200), ma la ricerca ha evidenziato anche il ruolo, crescente, delle cd. “seconde generazioni”: i figli dei migranti propriamente detti, nati e cresciuti in Italia, interpreti originali e “innovativi” dei temi dell’identità e dell’appartenenza e della loro declinazione all’interno del dibattito pubblico contemporaneo.

Le schede raccolte verranno progressivamente pubblicate on-line nella sezione ricerca del sito di Words4Link, realizzato da Lai-momo coop. soc., dove è già possibile consultarne circa la metà. In questo modo la piattaforma si propone sia come uno strumento utile a creare contatti e favorire le collaborazioni, sia come un vettore di conoscenza di queste voci del panorama letterario italiano contemporaneo, costituito da una pluralità di esperienze e appartenenze di cui (anche) i cittadini di origine migrante fanno pienamente parte. Il materiale presentato, in altri termini, lungi dall’essere esaustivo, non intende sostituirsi a importanti banche dati già esistenti, ma vuole contribuire a un confronto “rinnovato” sul ruolo delle “scritture migranti”, che ne aumenti la visibilità e favorisca il pieno riconoscimento degli autori e delle autrici coinvolti.

I soggetti interessati a far parte della mappatura possono iscriversi attraverso il sito di Words4Link.

Il convegno europeo

“Words4link – scritture migranti per l’integrazione” è un progetto, co-finanziato dal Fondo asilo migrazione e integrazione 2014 – 2020, pensato per valorizzare la complessa produzione letteraria nota come “scrittura migrante”; per promuovere gli autori/rici di origine immigrata; diffondere le loro opere e valorizzare le specificità dei loro punti di vista.
Il convegno europeo al MACRO Asilo è pensato come un momento di scambio e confronto su progetti e buone pratiche di scritture migranti, finalizzato alla possibile individuazione di linee guida per la loro valorizzazione.

In apertura, video screening de La ville ouverte, a cura di Marco Trulli, selezione di opere di giovani artisti sul paesaggio mediterraneo.

A seguire, i relatori e le relatrici converseranno sui seguenti temi:

• Progetti e buone pratiche di scritture migranti, tra narrativa, teatro e poesia
• Il contributo degli scrittori della migrazione al dialogo culturale dei Paesi di accoglienza
• Confronto sull’individuazione di possibili linee guida per la valorizzazione delle scritture migranti

▶️ Introducono
Mercedes Giovinazzo, Presidente BJCEM
Elisabetta Degli Esposti Merli, Coordinatrice di progetto Lai-momo Cooperativa Sociale

▶️ Moderano
Sandra Federici, Direttrice Africa e Mediterraneo
Roberta Sangiorgi, Presidente Eks&Tra

▶️ Intervengono i seguenti autori e autrici:
Hanan Kassab-Hassan
Mia Lecomte
Ingy Mubiayi
Walid Nabhan
Candelaria Romero

Al termine dell’evento verrà offerto un aperitivo a buffet.
È prevista la traduzione simultanea inglese/italiano.

*********************************************************

📌 Qui di seguito i prossimi appuntamenti del progetto 👇

▶️ 8 novembre ore 16.00-19.00
Sala Conferenze della Biblioteca Salaborsa, piazza Nettuno, 3 – Bologna
“Le scritture migranti e la rappresentazione dell’“altro” nell’immaginario collettivo”
Relatori:
• Christiana de Caldas Brito
• Livia Claudia Bazu
• Gassid Mohamed
Moderano: R. Sangiorgi e S. Federici

▶️ 19 novembre ore 10.30-13.30
Sala Stampa Estera, via dell’Umiltà, 83 – Roma
“Il ruolo (reale e potenziale) dei giornalisti con background migratorio nel dibattito pubblico italiano”
Relatori:
• M.Paola Nanni, coordinatrice di progetto per IDOS
• Brahim Maraad, giornalista, AGI
• Ejaz Ahmad, giornalista e mediatore culturale
• Paula Baudet Vivanco, giornalista, segretaria nazionale ANSI
• Summit Nazionale delle Diaspore per il progetto “Le nuove voci dell’Italia plurale”
Modera: Annalisa Camilli, giornalista

▶️ 10 dicembre
Palermo
“L’interazione tra l’Italia mediterranea e la produzione letteraria degli scrittori di origine straniera”.
Relatori:
• Karim Hannachi
• Paola Caridi
(programma in via di definizione)

-.-.-.-.-.-.-.-

Il progetto Words4link è realizzato, oltre che da coop. Lai-momo e IDOS, dall’Associazione Culturale Mediterraneo (ACM), con l’adesione della Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée (BJCEM) e delle associazioni Eks&Tra, Razzismo Brutta Storia e Le Réseau.

Per maggiori informazioni:

info@words4link.it; mariapaola.nanni@dossierimmigrazione.it; acm.casadelleculture@gmail.com

FB: https://www.facebook.com/Words4link/

TW: https://twitter.com/words4link

“Words4link – Scritture migranti per l’integrazione” è un progetto co-finanziato dal FONDO ASILO MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE 2014 – 2020, Obiettivo Specifico “2. Integrazione / Migrazione legale” – Obiettivo Nazionale “ON 3 – Capacity building – lett m) – Scambio di buone pratiche – inclusione sociale ed economica SM”

BJCEM is supported by:

Logo comune di Torino