LANDXCAPE

arte, narrazione, paesaggio

Programma residenze in Puglia, 8 -19 OTTOBRE, 2018

Al Convitto Palmieri, Lecce / Polo Biblio-Museale Regionale si svolgerà l’evento conclusivo di #landXcape con la restituzione delle opere realizzate nei sei parchi del Salento.
In apertura il filmato del racconto del Progetto #landXcape.

Saluti istituzionali:

Loredana Capone, Assessore Regionale alle industrie culturali e del Turismo
Dora Bei, presidente BJCEM
Aldo Patruno, Direttore del dipartimento delle Industrie Culturali, del Turismo e della valorizzazione del Territorio della Regione Puglia.

Modera Simonetta Dellomonaco, Coordinatrice scientifica di progetto.

A seguire, saranno gli artisti e i tutor a raccontare il lavoro svolto nelle Residenze Artistiche, con filmati e performances.
Negli spazi espositivi contigui al chiostro sarà presente un allestimento con pannelli e proiezioni.

La serata si concluderà con una degustazione e un concerto di Koinè.

LandXcape è un progetto culturale multisciplinare di valorizzazione integrata del patrimonio identitario e paesaggistico del Salento, promosso dalla Regione Puglia in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e l’Associazione Internazionale BJCEM – Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée.

Attraverso le forme artistiche e narrative, landXcape vuole stimolare nel pubblico e sul territorio una riflessione sul senso della trasformazione (volontaria ed involontaria) del paesaggio, in un approccio multidisciplinare e intersettoriale. Un progetto in cui l’arte diventa luogo di incontro fra due mondi, produttivo e culturale e chiave di volta per produrre una visione di futuro del paesaggio salentino che abbraccia le Province di Brindisi, Lecce e Taranto che colpite dal flagello della Xylella, si trovano a dover fare i conti con la propria identità.

Residenze artistiche

LandXcape prevede un programma di residenze artistiche, all’interno di sei parchi diversi del Salento (Parco Dune Costiere – Ostuni; Parco Torre Guaceto – Brindisi; Parco Otranto/Leuca – Otranto; Parco Litorale di Ugento – Ugento; Parco Porto Selvaggio – Gallipoli; Litorale Tarantino – Manduria). Sotto la supervisione di sei tutor professionisti, 60 artisti selezionati da BJCEM attraverso una call internazionale e provenienti da 22 Paesi lavoreranno a stretto contatto con il territorio interfacciandosi con con agricoltori, produttori olivicoli, abitanti delle zone colpite, studiosi e ricercatori. Divisi in gruppi corrispondenti a 6 differenti discipline artistiche (DESIGN; VIDEO/FOTO; NARRAZIONE; ARTE RELAZIONALE E PAESAGGIO; PERFORMANCES; ARTI VISIVE) gli artisti daranno vita a laboratori creativi e produttivi. Al termine delle residenze avranno luogo momenti di restituzione pubblica nei luoghi della ricerca.

Dialoghi sul Paesaggio

La sezione “Dialoghi sul paesaggio” è una delle attività del progetto generale landXcape e coinvolge tutti i partner di progetto, operatori del territorio, associazioni di categoria, associazioni culturali e di promozione sociale, di cui i “dialoghi” ne accolgono e articolano le istanze, insieme agli esperti e a tutti i cosiddetti interlocutori privilegiati del territorio.

In totale saranno organizzati 7 incontri in forma di tavoli tecnici, seminari, workshop, nei quali poter sviluppare riflessioni, avviare dibattiti e condivisione di informazioni sul tema della trasformazione del paesaggio e delle culture che lo abitano.

I dialoghi sono ospitati dai 6 parchi coinvolti nel progetto e sono tematizzati secondo la specificità territoriale di ognuno, anche in coerenza con le attività di residenza artistica da svolgersi presso gli stessi parchi. L’ultimo dialogo sarà realizzato presso il polo Biblio-Museale di Brindisi luogo di arrivo degli artisti in residenza.

Spettacoli

Una rassegna di eventi di narrazione in natura sul tema del paesaggio e della terra, che accompagnerà la realizzazione della residenza creando un contesto di ascolto e racconto della memoria dei luoghi in una modalità low-tech e wellness all’interno dei parchi coinvolti.

Seguite il progetto sui canali social:
– Facebook https://www.facebook.com/landxcape.puglia
– Instagram https://www.instagram.com/landxcape.puglia
– Youtube https://www.youtube.com/channel/UCAg3Ok9TbGmV1479i7pL8_w

Nell’ambito delle riflessioni sul paesaggio salentino promosse del progetto #landXcape il territorio si apre all’arte e alla sperimentazione artistica, con l’arrivo sul territorio di 57 artisti provenienti da 22 Paesi del Mediterraneo. L’evento di apertura vede presenti le istituzioni, i promotori del progetto, i tutor e gli artisti per introdurre i lavori che verranno svolti all’interno delle residenze artistiche nei parchi del Salento.

Saluti istituzionali:
Loredana Capone, Assessore regionale alle industrie Culturali e del Turismo
Riccardo Rossi, Sindaco di Brindisi
Carmelo Grassi, Presidente onorario Teatro Pubblico Pugliese
Emilia Mannozzi, Direttore del Polo Biblio Museale di Brindisi

Intervengono:
Roberto Covolo, Assessore allo sviluppo del Comune di Brindisi
Federica Candelaresi, Segretario Generale BJCEM (Biennale des Jeunes Createurs de l’Europe et de la Mediterranée)
Simonetta Dellomonaco, Teatro Pubblico Pugliese e coordinatore scientifico del progetto LandXcape

I tutor delle residenza artistiche BJCEM:
Salvatore Tramacere, Crispino Lanza, Sara Ciracì, Luigi D’Elia, Michela Cerini, Laura Biasco, Mauro Lazzari

Tutti gli artisti internazionali selezionati per le residenze artistiche

Modera:
Luigi De Luca, referente dei Poli Biblio-Museali regionali di Brindisi, Lecce e Foggia

Saranno presenti e parteciperanno al dialogo i rappresentanti del partenariato del territorio (associazioni di categoria e per la difesa del patrimonio ne dell’ambiente) e i direttori dei parchi coinvolti nel progetto.

A seguire, aperitivo degustazione a cura della AMP e RNS di Torre Guaceto

Saranno presenti e parteciperanno al dialogo i rappresentanti del partenariato del territorio (associazioni di categoria e per la difesa del patrimonio ne dell’ambiente) e i direttori dei parchi coinvolti nel progetto.

#landXcape è un progetto sostenuto dalla Regione Puglia, Assessorato alle Industrie Culturali e Turistiche, attraverso i Poli Biblio-Museali di Lecce e Brindisi e attuato da Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Bjcem – Association Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée.

ARTISTI SELEZIONATI

Design (10 artisti) 
Italy Valeria Di Leone | Luigi Leopizzi | Simona Girardi | Paola Iacobellis | Salvatore Spaltro | Amy Su  | Andrea Torrone | Luca Paolo Vasa
Montenegro Iva Djurovic
San Marino Graziana Florio
Land Art (10 artisti)
Austria Christina Gruber
Greece Alexsandros Simopoulos | Giorgo Skretis
Italy Stefano Boccardo | Marco Cestarolli | Giorgia Mocilnik | Kerol Montagna | Maria Teresa Zingarello
Montenegro Ivana Radovanovic
Norway Sidsel Nielsen Bonde
Performance (8 artisti) 
Bosnia and Herzegovina Mak Hubjer
Greece Thodoris Trampas
Italy Alessandra Gaeta | Claudia Mangini
Lebanon Christy El Khoury
Serbia Ivona Mitic
Spain Lina Quiroga
UK Francine Kliemann
Storytelling (10 artisti)
Greece Eleana Chatzaki
Italy Cristina Carlà | Francesca Camilla D’Amico | Laura Fuzzi | Antonio Guadalupi | Adelaide Mancuso | Marta Mingucci | Annika Pettini
Slovenia Pia Prezelj
UK Hanna Fredsgaard Jones
Video/Photography (9 artisti)
Albania Vangjush Vellauh
Cyprus Marianna Ellina
Greece Alexandros Rellos
Italy Francesco Giorgi | Elisa Pregnolato | Michela Ronco | Federico Scarchilli | Alessandro Tricarico
Portugal Fabio Penela
Visual Art (10 artisti)
Austria Olivia Coeln
Cyprus Michalis Charalambous
Egypt Hadia El Masry
Greece Giorgos Palamaris
Italy Barbara Baroncini | Giada Ganassin | Matteo Messori | Samuele Pigliapochi
France Myriam Santos
Syria Alaa sharabi

PROGRAMMA

RESIDENZE INTERNAZIONALI D’ARTE

Dall’8 al 18 ottobre
Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano / Arti performative
Riserva naturale dello Stato Area Marina Protetta di Torre Guaceto / Narrazione
Parco naturale regionale Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo / Arti visive
Riserve naturali regionali orientate del litorale tarantino orientale / Foto-Video
Parco naturale regionale litorale di Ugento / Design
Parco naturale regionale costa Otranto-Santa Maria di Leuca e bosco di Tricase / Land Art

6 residenze per 6 discipline in 6 parchi.
In un progetto speciale della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, 60 artisti under 35 provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo sono ospiti della Puglia per una ricerca artistica a tutto campo nei territori colpiti dalla malattia degli ulivi per abitare e immaginare il futuro del paesaggio rurale come luogo dove l’arte può abitare, nutrire, coltivare.

SEMINARIO DI APERTURA
8 ottobre / h 17.30 / MUSEO RIBEZZO, Brindisi
Polo bibliomuseale regionale
LANDXCAPE E GLI ARTISTI DELLA BJCEM
Apertura e presentazione della ricerca delle residenze artistiche BJCEM

EVENTO FINALE
18 ottobre / h 17.30 / CONVITTO PALMIERI, Lecce
Polo bibliomuseale regionale
Presentazione dei risultati delle Residenze artistiche
h. 21:00 Festa di chiusura con certo Koinè

PARCO NATURALE REGIONALE PORTO SELVAGGIO E PALUDE DEL CAPITANO

DIALOGO
22 settembre / h 10.30
Masseria Torrenova
ATTRAVERSAMENTI, PATRIMONIO E COMUNITÀ

SPETTACOLO
7 ottobre / h 16.00
Torre dell’Alto
PAESAGGI IN EVOLUZIONE
Visita guidata

h 17.00 / Torre dell’Alto
TEMPESTE
L’olivo, il vino, le pietre
Una produzione O ThiasosTeatroNatura
Uno spettacolo scritto e narrato da Sista Bramini

Infoline e prenotazioni:
349 6799790 (ritrovo Via Cantù, Santa Caterina c/o Grotta Capelvenere)

RISERVA NATURALE DELLO STATO AREA MARINA PROTETTA DI TORRE GUACETO

SPETTACOLO
23 settembre / h 17.30
Centro Visite della Riserva
“Al Gawsit” presso Serranova
IL LUOGO DELL’ACQUA DOLCE
Visita guidata

h 18.30 / alla casa bianca di Pinuccio Bellanova
LA LUNA E I FALÒ
Della Puglia e altre memorie
primo studio
Uno spettacolo di e con Luigi D’Elia e i BEVANO EST

Infoline e prenotazioni:
349 2581270
(Centro Visite della Riserva “Al Gawsit” presso Serranova)

DIALOGO
5 ottobre / h 17.00
Centro Visite della Riserva
“Al Gawsit” presso Serranova
RACCONTI E MEMORIA DEI LUOGHI

PARCO NATURALE REGIONALE DUNE COSTIERE DA TORRE CANNE A TORRE SAN LEONARDO

DIALOGO
29 settembre / h 10.30
Masseria Fontevecchia
#LANDSCAPE UNDER 35
Presentazione del documentario “Human’s Landscape”

SPETTACOLO
29 settembre / h 19.30
Fiume Morelli, Casa del Mare
I LUOGHI SEGRETI DELL’ACQUA
Visita guidata

h 21.00 / Fiume Morelli, Casa del Mare
IN TEATRO CON I PIEDI PER TERRA
Una produzione Radici nel Cielo
Uno spettacolo agriculturale
con Andrea Pierdicca (voce), Enzo Monteverde (chitarra)

Infoline e prenotazioni:
348 1638228 (ritrovo Fiume Morelli – SS. 379 Bari-Brindisi, uscite Pilone o Torre Canne)

RISERVE NATURALI REGIONALI ORIENTATE DEL LITORALE TARANTINO ORIENTALE

SPETTACOLO
30 settembre / h 17.00
Masseria Cuturi
NELL’ANTICO BOSCO DEI CUTURI
Visita guidata

h 18.00 / Masseria Cuturi
IO SONO IL MIO LAVORO, STORIE DI UOMINI E DI VINI
Uno spettacolo di e con PINO PETRUZZELLI

Infoline e prenotazioni:
320 1570633 / 393 0198960 (ritrovo strada prov.le Manduria – San Pietro in Bevagna, km. 5)

DIALOGO
13 ottobre / h 19.00
Cantine Terre del Primitivo
RADICI NELLA TERRA
dialoghi del gusto

PARCO NATURALE REGIONALE LITORALE DI UGENTO

SPETTACOLO
5 ottobre / h 19.30
Nuovo Museo Archeologico di Ugento
UN MARE DI CULTURA E BIODIVERSITÀ
Visita guidata

h 21.00 / Chiesa di Santa Filomena, Municipio di Ugento
CIELO NERO
Uno spettacolo di Francesco Niccolini e Pierpaolo Piludu
con Pierpaolo Piludu
Una produzione Cada die Teatro
Infoline e prenotazioni:
328 3424894 (ritrovo Municipio di Ugento)

DIALOGO
13 ottobre / h 18.00
Chiesa di Santa Filomena
(ex sala consiliare)
DESIGN NATURA

PARCO NATURALE REGIONALE COSTA OTRANTO-SANTA MARIA DI LEUCA E BOSCO DI TRICASE

DIALOGO
6 ottobre / h 10.30
Centro Canali, Vignacastrisi
PAESAGGI CONTEMPORANEI

SPETTACOLO
6 ottobre / h 20.00
Castello di Andrano
PRODUTTORI DI PAESAGGIO
Visita guidata / incontro con il parco

ore 21.00 / Cortile del Castello di Andrano
MARBLELAND
Uno spettacolo di e con Soledad Nicolazzi
Una produzione Compagnia Stradevarie, Campsirago Residenza

Infoline e prenotazioni:
347 8130497 (ritrovo Castello di Andrano)

Performance | Tutor Salvatore Tramacere

Il Teatro Koreja, Centro di produzione e sperimentazione teatrale, è attivo da oltre 30 anni, ha prodotto più di 40 spettacoli, circuitato in 45 Paesi del Mondo, vinto numerosi premi nazionali e internazionali. Stratificazione culturale, una nuova identità e marginalità sono i princìpi che definiscono Koreja. Salvatore Tramacere si è formato accanto a importanti personalità del teatro internazionale come Eugenio Barba, Iben Rasmussen, Pina Baush. La pedagogia teatrale di Koreja si basa su quegli ambiti di intervento dove le teorie e le pratiche vengono immediatamente mescolate. Il percorso formativo proposto è un lavoro condiviso di crescita e approfondimento dei diversi linguaggi artistici, per dare strumenti d’interpretazione della realtà mediante il teatro. Lavorare sulla performance teatrale vuol dire eleborare un dialogo da restituire in forma artistica con i luoghi colpiti dalla Xylella, aplificandone e rielaborandone il messaggio. Le fasi di lavoro prevedono un processo di ricerca prima personale e poi di gruppo, sfruttando in maniera propositiva le diverse nazionalità e specificità artistiche dei partecipanti che saranno a loro volta autori della performance.

Design | Tutor Crispino Lanza

Da millenni la Puglia è un territorio abitato da piante di ulivo, così come i paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Per questo e per le sue peculiari caratteristiche estetiche dovute alle sue imprevedibili venature, tale pianta ha fornito e fornisce da sempre la materia prima per la realizzazione di oggettistica per la casa, arredi e complementi. Data la morfologia del tronco e la sua disomogeneità strutturale, è noto come l’ulivo non sia una essenza lignea di facile lavorazione e, soprattutto, non adatta ad applicazioni dove le proprietà meccaniche siano particolarmente importanti. Si richiede quindi uno sforzo creativo consistente nell’immaginare il legno di ulivo non sempre e non solo come unico protagonista materico dell’oggetto progettato, bensì come attore interagente con altri materiali (tecnologici o naturali), senza dimenticare interazioni con altre componenti potenzialmente sinergiche come la luce, l’odore, il colore, il suono, il cibo, le altre piante. I temi cardine che saranno affidati ai protagonisti del workshop saranno i 4 elementi (acqua, aria, terra e fuoco), tutti elementi essenziali per la vita e protagonisti delle storie che, dalla loro nascita al loro espianto, questi ulivi potrebbero raccontare. Le collezioni di oggetti saranno divise in 3 macro-aree / finalità d’uso:

  • Merchandising museale
  • Arredi e complementi per strutture ricettive
  • Oggettistica per la cucina

Visual art (pittura/scultura) | Tutor Sarah Ciracì

La Puglia imprime nelle memoria di chi la visita essenzialmente il suo caratteristico paesaggio. Ricco e variegato, preistorico ed atavico, è segnato altrettanto significativamente dalle attività dell’uomo. Distese di vigneti ricoperte da teloni di plastica, industrie pesanti come Ilva (nel Tarantino) o Eni (nel Brindisino) tracciano una narrazione di un difficile equilibrio tra le esigenze della natura e quella dell’uomo. Un legame di dipendenza, quello tra uomo e natura, diventato emergenza con la diffusione della Xylella, in cui l’uomo è chiamato a proteggere quanto di più sacro e antico è presente sul territorio: i secolari alberi di ulivo. In questo contesto l’arte può essere un valido strumento per rafforzare il legame di dipendenza uomo natura, a rinnovarlo, a riportare alla consapevolezza come la natura sia fonte di nutrimento di aspetti spirituali ed emotivi dell’uomo. La tradizione fiabesca dell’albero parlante è ricca e significativa di come l’uomo abbia sempre attribuito all’albero un’anima e di come esso sia sempre stato vissuto come fonte di profonda saggezza e dotato di proprietà magiche. Da Pochaontas, al Mago di Oz, al film Avatar l’albero è l’anello di congiunzione tra l’uomo e la natura. Il progetto intende erigere simbolicamente un albero secolare di ulivo a monumento sacro. Si creeranno attorno ad esso le condizioni per poterlo contemplare, attraverso sculture resistenti alle intemperie con la funzione di accogliere il “pellegrino”. Si potrà sedersi attorno ad esso, contemplarlo, osservarne ogni piega e da essa farsi raccontare una storia. Ogni artista, ispirato dall’albero e dai racconti dalla comunità di persone legato al territorio creerà il suo contributo per allestire il monumento sacro, utilizzando ogni media legato alle arti visive (sculture, pittura, fotografia, video…). Ove vi fossero contributi video o fotografici, saranno indicati all’interno del monumento i link o QR Code visualizzabili attraverso smartphone.

Video/fotografia | Tutor Michela Cerini

Identità e narrazione dei luoghi, di quei luoghi di una Puglia che si trasforma, si adatta, lotta, soccombe e si rialza, si piace e si ammira anche nel cambiamento. Un’identità che si estrapola dal suo contesto geografico e si insinua nelle radici più profonde di una cultura che appartiene ad un popolo complesso e fiero, un popolo che della sua terra ha fatto la sua storia. Una missione, un esperimento, una sfida per restituire a tutti quello che questa terra ci vuole raccontare. Una terra che vuole essere ascoltata e raccontata. Esplorare e raccontare attraverso le immagini la suggestione di un luogo, della sua storia, passata e futura, del bisogno intrinseco di essere vissuto e rivelato in ciò che era, ciò che è e ciò che potrebbe essere, attraverso visioni e suoni che lo caratterizzano, attraverso le parole di chi per anni l’ha vissuto, amato. Attraverso le mani di chi lo fa suo quotidianamente. Gli occhi e il cuore di questa terra hanno più interlocutori: uomini, piante, animali, lo scirocco e la tramontana, il caldo torrido e la terra rossa, il verde accecante e lo strazio del cambiamento. L’intento è quello di mettere a servizio di questa urgenza l’Arte, nello specifico video e fotografia, che con il loro linguaggio e nella loro completezza possono documentare, trasformare e restituire un’esigenza di racconto, di memoria e di messa in gioco.

Public art/land art | Tutor Mauro Lazzari, Laura Basco

Il paesaggio attuale del Salento colpito dal disseccamento rapido della sua pianta simbolo, l’olivo, racconta — parafrasando Eugenio Turri — molto di più di quanto forse vorremmo conoscere del nostro tempo. Si tratta di una pandemia che non riguarda più solo la popolazione contadina di una porzione di territorio regionale, ma di un fenomeno più ampio e complesso, che ha rivelato l’estrema fragilità del patrimonio agricolo, che si è radicalizzato verso la monocoltura dell’olivo solo a partire dagli anni 60. È proprio partendo da questa fragilità, attraverso questo programma di residenza, possiamo domandarci quali processi culturali e input l’arte pubblica può mettere in atto per sperimentare strategie di convivenza con i cambiamenti in atto nel paesaggio. Gli artisti saranno chiamati a confrontarsi con le relazioni tra i bisogni e le attese di un territorio rurale che attraversa una forte crisi ambientale, a proporre una propria riflessione, aperta ad immaginare piccole o grandi utopie ed innescare un potenziale pedagogico per mutare paradigma e creare nuovi paesaggi, maggiormente resilienti, biodiversi e sostenibili.

Narrazione | Tutor Luigi D’Elia

“La saggezza antica insegnava che il Mediterraneo arriva fin dove cresce l’ulivo” (Predag Matvejevic). Abbiamo la parola, il racconto, i nostri corpi per metterci in ascolto di una terra che sta cambiando pelle e lo sta facendo in uno stordimento delle parole, della legge, delle informazioni, del vento e delle cicale. Cosa accade alla forma del Mediterraneo se cambia la linea dell’ulivo? Cosa accade alla Puglia se non crescono più gli ulivi? Cosa accade ai suoi orizzonti, cosa accade negli occhi di chi la abita e di chi la attraversa? Che voce ha tutto questo? Quali parole? Qual’è il suo suono? Qual’è il “racconto” di tutto questo? E ancora: cosa, di tutto questo, reclama con forza sanguigna di terra di essere raccontato? Mi chiedo sempre cosa resterà. In questa residenza invece mi chiedo cosa “vive”! La residenza è destinata a voci femminili o maschili della narrazione (narratori, attori, autori) per dar voce al sistema circolatorio che viaggia senza soluzione di continuità tra gli esseri viventi della Puglia e i loro ulivi.

Il progetto “LandXcape, arte, narrazione, paesaggio” è sostenuto dalla Regione Puglia, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e con BJCEM, a valere sulle risorse FSC (Fondo per lo Sviluppo e la Coesione), Puglia 2014 – 2020, Patto per la Puglia, Area di Intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”

BJCEM is supported by:

Logo comune di Torino